MUS-E Pistoia Onlus

Home | Pistoia | Artista: Sabatini Andrea

Sabatini Andrea

Foto di Sabatini Andrea Mail. clownzen@hotmail.it


Breve Biografia:
Diplomato nel 2008 come Attore alla Scuola internazionale di teatro - Circo a vapore di Roma, inizia la sua formazione artistica nel 1995 come allievo di Marco Giorgetti sul metodo mimico di Orazio Costa. Nel 2000 affronta il metodo Stanislavskij con Maria Pia Suma e nel 2001 incontra il clown brasiliano André Casaca, allievo di Yves Lebreton, che lo introduce al mondo del clown. Fa parte durante questo periodo della compagnia Senza Sipario. Nel 2003 frequenta un seminario di Bianca Francioni, con cui approfondisce il mimo corporeo di Etienne Decroux e quello classico di Marcel Marceau. Nello stesso anno conosce il metodo Lecoq con Alessandro Fantechi del Teatro 34 di Firenze. Nel 2004 forma insieme al clown Stefano Natali in arte Jago Chamara e all'organettista Vincenzo Piazzetta il gruppo Apocalypse clown, che insieme lavora lungo le strade toscane e per le vie della Costa Azzurra. Dopo lo scioglimento del gruppo, porta il suo clown a Roma, Modena e Perugia. Nello stesso anno segue il corso L'attore e il suo ridicolo tenuto dal Teatro Sunil di Lugano, frequenta Un sorriso in corsia, corso per i clown in reparto, l'Accademia teatrale di Firenze diretta da Pietro Bartolini e il Seminario di arte scenica di Pierluigi Grison basato sul Sistema Laban-Bartenieff. Forma col violinista Savino Pantone il duo clown Messieurs clochards, che dopo le prime rappresentazioni in zona lavora qualche giorno in strada a Parigi. Partecipa a un percorso sul teatro-danza con Sandra Cecchi e si iscrive successivamente alla Scuola internazionale di teatro - Circo a vapore di Roma diretta da Silvia Marcotullio e Fiammetta Bianconi e con lezioni tenuti tra gli altri da Emmanuel Gallot Lavallèe, allievo di Jacques Lecoq. Lo stesso anno forma con i clown Francesco Vigliotti e Linda Cifaldi il gruppo L'elefante blu, con cui insieme a Lea Speciale porta il loro spettacolo in strada nel Salento e a Chieti. Nel 2011 entra a far parte del GAD Città di Pistoia, compagnia stabile della città. Con loro visita numerosi teatri d'Italia e partecipa a diversi concorsi vincendo nel 2012 il premio come miglior caratterista maschile al Premio Berta di Sansepolcro. Nel 2013 entra a far parte dell'associazione Mus-e.

Ha lavorato come operatore teatrale;
nel 2000 al Sert di Pistoia, insieme alla compagnia Senza Sipario, conduce un laboratorio creativo teatrale con ragazze tossicodipendenti;
nel 2005 conduce laboratori teatrali per ultrasessantenni;
nel 2005-2006 conduce laboratori teatrali presso alcune scuole di Pistoia;
nel 2005-2006 tiene un corso di teatro per bambini presso il Laboratorio Accademico Danza di Antonella Lombardo;
nel 2006 coordina il progetto di letture animate Le mille e… un Cerotto presso l'ospedale di Pescia;
nel 2009 conduce laboratori teatrali all'interno del progetto di dopo-scuola Paese di Oz;
nel 2009 conduce il laboratorio di teatro Sipario Aperto presso una ludoteca;
dal 2010 al 2012 è chiamato come operatore teatrale all'interno della rassegna di teatro per le scuole di Bagni di Lucca.
Tiene diversi incontri per approfondire la figura del clown:
dal 2002 al 2012 fa parte del progetto Cerotti Colorati, clown in corsia negli ospedali di Pescia e Pistoia;
nel 2009 partecipa al progetto Diritti Pittati, animazione clown sui diritti dei bambini in ospedale;
nel 2009 conduce il laboratorio Giocoloclown presso una ludoteca;
nel 2012 tiene il laboratorio clown Il corpo comico per ragazzi dai 18 ai 25 anni;
nel 2012 conduce Stasera clown, progetto di laboratorio clown con ragazzi diversamente abili.


IL CLOWN

Nel teatro, come nella musica, una cosa molto importante è la durata del silenzio. Nella sospensione del silenzio tutto è contenuto e quindi possibile.
L'attesa del clown è un mondo sospeso verso qualcosa che potrà accadere. In un'attesa c'è il potenziale di ogni avvenimento, ciò che non è ancora avvenuto può sempre avvenire. Allora l'attesa è carica di aspettativa, ma nello stesso tempo è anche vuota, è disponibilità, spazio da riempire, giochi da fare, persone da incontrare... è l'infinità delle vite pronte per esplodere.
Il clown è ridere di sé stessi, delle proprie difficoltà, dei propri limiti, è poter affrontare le proprie sconfitte e sentirsi liberi.
Lavorare sul clown è come una rinascita al mondo. è scoprire di nuovo il significato di ogni cosa. Il clown inventa, gioca, ricrea. è un essere tragicamente schiacciato dai suoi limiti, ma per questo libero di ricrearsi, di sperimentare e di scoprire. è un creatore, colui che trasforma il mondo circostante per renderlo adatto alle sue esigenze, e nello stesso tempo si trasforma interiormente per rinascere ogni giorno.
Il clown è la risata di un innamorato. Come un bambino che cambia continuamente centro d'interesse trasformando la poesia di un attimo in qualcos'altro o come un pittore che ritorna sul proprio quadro e continuamente lo modifica, lo trasforma. Il clown è la fame, il viaggio, la solitudine, la tragedia, la fuga…
Il primo elemento in un clown è la verità.

Il potenziale del bambino è veramente illimitato. Messo nelle condizioni di poterlo esprimere e manifestare, il bambino riesce ad esprimere una creatività prorompente e originale, cioè unica perché sua personale. Il confronto col proprio clown lo rende libero di “essere”, scevro da ogni giudizio o preconcetto.

Competenze: Area Teatrale

Eventi e News

Tutti gli eventi della sede


Rassegna stampa

Tutti gli articoli della sede


Gli Amici di MUS-E Pistoia


Con il contributo di:

Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Fondazione Conservatorio San Giovanni Battista

Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia


Con il patrocinio di:

Comune di Pistoia

Provincia di Pistoia


Contribuiscono inoltre:

Associazione Industriali Pistoia

CNA Pistoia

 

Come contribuire:

Tramite bonifico bancario presso:

CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E DELLA LUCCHESIA
AGENZIA VIALE ADUA - PISTOIA
IBAN IT85D 06260 13827 00000 2505C00
INTESTATO A: MUS-E PISTOIA ONLUS

oppure:

BANCA INTERREGIONALE S.P.A. - PISTOIA
IBAN IT94O 03330 13800 CC001 0011168
INTESTATO A: MUS-E PISTOIA ONLUS

ed anche attraverso il versamento del 5 per mille all'associazione Mus-e Pistoia Onlus indicando il codice fiscale 90044240472 al momento della denuncia dei redditi.

Il contributo è libero, sarà nostra cura inviare la ricevuta della donazione effettuata.