Home | Marcoré per Mus-e del Fermano

Marcoré per Mus-e del Fermano

25 Maggio 2018

Sold out al Teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio

Venerdì sera, 25 maggio, il Teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio si è presentato gremito e desideroso di ascoltare l’originale interpretazione di Neri Marcorè e dei GnuQuartet nella loro rivisitazione del grande Fabrizio De André. Tanti applausi, ottima musica, bis a ripetizione e l’impegno a sostenere Mus-e: questa la sintesi di un concerto che rimarrà nella memoria di coloro che hanno avuto l’opportunità di assistervi.

E così, dopo Mogol, va in archivio una nuova iniziativa di Mus-e del Fermano onlus sul fronte della raccolta fondi. “Dobbiamo ringraziare il nostro presidente onorario, Don Vinicio Albanesi e, soprattutto, Neri Marcorè ed il suo gruppo per questo straordinario concerto: in poche settimane siamo riusciti, grazie alla collaborazione di Tam, Tutta un’altra musica, a organizzare e gestire un evento dal cui incasso riusciremo a trarre risorse per nuovi laboratori”.

A parlare è Enrico Paniccià, presidente di Mus-e del Fermano che, dal palco del teatro, attorniato dal suo consiglio direttivo, ha ricordato l’importanza del lavoro che Mus-e sta conducendo, da anni, non solo a Fermo ma in Italia ed in Europa.

“Bellissimo il concerto e utilissimo aver avuto Marcorè come nostro testimonial, fosse anche per una sola serata. È in occasioni come queste” sottolinea la coordinatrice nazionale di Mus-e, Rita Costato Costantini, che non ha voluto rinunciare a presenziare all’evento “che si può far conoscere il progetto Mus-e a platee ampie”.

Il sold out infatti ha garantito la partecipazione di oltre 400 persone, e tanti sono rimasti a bocca asciutta poiché la capienza del teatro non ha consentito di accogliere altre richieste.

“Abbiamo improntato un lavoro di squadra che ha dato i suoi frutti” conclude Carlo Pagliacci, coordinatore di Mus-e del Fermano. “E così, quello che sembrava un sogno, è diventato realtà.

Grazie, a nome di tanti bambini delle scuole Mus-e, a Neri Marcorè per la sua generosità.”