Home | "Ciao Pinocchio" Progetto finale per le classi di Mus-e Savona

"Ciao Pinocchio" Progetto finale per le classi di Mus-e Savona

20 Giugno 2017

Bellissimo! Attraente come un variegato fuoco d'artificio che riempie il cielo di mille colori. Questa la sintesi del gran finale del Progetto “Ciao Pinocchio” a cui hanno lavorato tutte le classi di Mus-e Savona. Dal 22 maggio al 9 giugno scorso, tre settimane disseminate di “lezioni aperte” e di grandi eventi in ogni parte della Provincia e a Monforte d'Alba. Ospiti del Comune, abbiamo riempito il Bocciodromo di Millesimo di centinaia di spettatori che hanno applaudito i bambini di Millesimo, Cengio e Carcare impegnati a raccontare episodi salienti della vita del burattino che, da impacciato robot dagli scomposti gesti meccanici, si trasforma in armonioso bambino, mentre un'orchestra di centinaia di strumenti inverosimili costruiti dai bambini, dagli iniziali suoni disarticolati approda ad un armonico finale. Abbiamo portato un'aria di festa sul palco dei giardini di Villapiana a Savona con una balena magica che trasforma i bambini in ciò che desiderano e fatine che fanno crescere piccoli semi fino a trasformarli in alberi che poi danzano e cantano tenendosi per mano. Canti, filastrocche e danze a Casanova. Idem a Spotorno. In entrambi i posti originali disegni dei bambini. Riproposto nel cortile della scuola di Leca d'Albenga, a gran richiesta dei genitori che non avevano seguito i bimbi a Monforte, il lavoro “Etciùùùù!!!” che a Monforte è risultato senz'altro uno dei più belli ed ha avuto l'onore di finire nel TG3 del Piemonte: l'episodio di Mangiafuoco che da spietato tiranno dei suoi burattini, commosso dal coraggio di Pinocchio, diventa buono. Lo hanno applaudito quasi mille bambini assiepati nel bellissimo auditorium la mattina del 25 maggio, uno dei giorni clou dell'evento “Vivolibro-Le avventure di Pinocchio” ideato dalla Fondazione Bottari-Lattes. Ed è proprio a Monforte, dove siamo andati per la quarta volta dopo il “Marco Polo” (2011), “Il giro del mondo in 80 giorni” (2013), “Donchisciotte” (2015), che i bimbi di Mus-e Savona un pò attori un po' spettatori di altri eventi hanno vissuto la settimana più intensa e ricca di emozioni. Pinocchio che mette in guardia dall'uso eccessivo della tecnologia, che spiega i rischi economici e morali del gioco d'azzardo, che invita a rispettare il pianeta e fa toccare con mano ai bambini che il paese dei balocchi ti riduce inesorabilmente a ciuchino; che però se gli chiedi “E dunque d'ora in poi ti comporterai bene” ti risponde “Sì, certo”, ma poi, biricchino, aggiunge “forse”. Comunque più di 4000 bambini di Mus-e Savona, Genova, Torino e tantissimi dei paesi di Langa hanno decretato con la loro creatività e l'entusiasmo che il mito di Pinocchio è più vivo che mai

 

Prof.Arturo Ivaldi - Supervisore di Mus-e Savona Onlus